petme

Più di 5.000 utenti registrati, un centinaio di servizi di pet sitting erogati e una Facebook community di oltre 16.000 fans, questi i numeri di PetMe, a pochi mesi dall'inizio delle attività.

E oggi se ne aggiunge un altro davvero importante: 175.000 euro di aumento di capitale grazie ad un nuovo investimento che vede protagonisti imprenditori e professionisti italiani.

Un successo tutto italiano quello che PetMe è orgogliosa di condividere con b-ventures, per cui questo è il quarto aumento di capitale che ottiene per una delle sue startup (superando il milione di fondi raccolti): un' ulteriore conferma di come, in poco meno di un anno, l’acceleratore di imprese di Buongiorno sia diventato uno dei più concreti e credibili punti di riferimento per le imprese innovative in Italia.

 L’aumento di capitale è una spinta importante per la crescita della piattaforma ideata da Alice Cimini e Carlo Crudele, che potrà così implementare nuove funzioni e offrire nuovi servizi, ma soprattutto un attestato di fiducia che arriva a neanche 1 anno dal lancio del sito.

PetMe si inserisce a pieno titolo nel fiorente contesto della sharing economy, all'interno del quale nascono nuove competenze, come quella del pet sitter, fino a ieri considerata un hobby e oggi a tutti gli effetti una professione.

Infatti il pet sitter è chiamato ad offrire un servizio di assistenza in linea con le aspettative del proprietario, che vede nell'animale un membro effettivo della famiglia.

Entrata lo scorso giugno nel programma di accelerazione di b-ventures, PetMe è stata protagonista dell'estate grazie alle numerose richieste degli utenti che hanno beneficiato dei servizi di pet sitting grazie alla possibilità di scegliere tra i numerosi pet sitter iscritti alla piattaforma, nelle diverse località italiane e guidati dalle recensioni di una community in costante crescita.